Falso d’Autore a Londra

fragonard
La Dulwich Picture Gallery è la più antica pinacoteca pubblica, fondata nel 1811 per ospitare capolavori di grandi artisti come Rubens, Rembrandt, Tiepolo e Poussin. La collezione fu assemblata nel XVIII secolo e avrebbe dovuto far parte della quadreria del re di Polonia, ma le cose andarono diversamente e i dipinti furono donati al Dulwich College. All’inizio di quest’anno, la pinacoteca londinese ha dato vita al progetto ‘Made in China’, ideato dall’artista concettuale Doug Fishbone.
Assieme al curatore Xavier Bray, Fishbone ha acquistato online dalla Meishing Oil Painting, una compagnia manufatturiera della Cina meridionale, la copia di un dipinto della collezione. Il dipinto, realizzato a mano e in scala leggermente diversa, da uno dei 150 artisti impiegati nella compagnia cinese, è costato l’equivalente di 70 sterline, incluse le spese di spedizione.
In Cina, il commercio di dipinti eseguiti nello stile dei grandi maestri è un business molto florido e le richieste pervengono da tutto il mondo via internet.
La replica del dipinto della Dulwich Picture Gallery è stata appesa al posto dell’originale e i visitatori sono stati invitati a scoprire l’intruso tra gli oltre 200 capolavori della collezione. Impresa non facile; infatti, su oltre 3000 segnalazioni, solo il 10% dei partecipanti ha indovinato quale fosse il falso d’autore.
Qualche giorno fa, l’originale del “Ritratto di Giovane Donna” di Fragonard è stato finalmente rimesso al suo posto, affiancato  dalla copia cinese contemporanea. I due dipinti, resteranno fianco a fianco per un paio di mesi, così da permettere i confronti.
L’esperimento si è rivelato, non solo l’occasione per molti visitatori di esercitare il loro sguardo critico e di interagire attivamente con i dipinti della collezione, ma anche un’ottima trovata pubblicitaria. Negli ultimi mesi, infatti, le visite alla Dulwich Picture Gallery si sono quadruplicate, permettendo al pubblico di ammirare le opere dei grandi maestri, nonché il lavoro di un anonimo artista cinese.

Avventure di un viaggiatore silenzioso

Morning mist in St. James's ParkIn una realtà sempre più globalizzata, ci si chiede come sia possibile stupirsi davvero nel visitare un paese straniero. Si accede alle informazioni ancora prima di aver fatto la valigia, si coprono distanze enormi in una manciata di ore d’aeroplano, e si può consumare tutto in fretta, scaricando mappe sul cellulare e fotografando senza posa, dato che l’avvento del digitale ha espanso le possibilità del mezzo. Se pensiamo alle modalità di viaggio dei nostri progenitori, siamo fortunati. Non dobbiamo sporcarci né affaticarci troppo,  i confini si sono fatti labili, girovaghiamo in lungo e in largo grazie ad autostrade e voli low cost e, così, una gran fetta di mondo non ci riesce più totalmente estranea. Poi, bisogna sempre fare le dovute differenze tra turista e viaggiatore, anche se le linee di demarcazione sono incerte. Viaggiare può anche significare camminare nel proprio quartiere e trovarci qualcosa di interessante o emozionante, poche’ il viaggio implica il tempo di guardare e di comprendere, o, almeno, provarci.  Nelle mie escursioni per librerie di seconda mano, mi è capitata l’occasione di trovare una copia del 1946 del libro di Chiang Yee, dal titolo: “The Silent Traveller in London“.

Chiang Yee fu un artista poliedrico: poeta, scrittore, pittore e calligrafo. Laureatosi all’Università di Nanchino, aveva ricoperto vari ruoli importanti, ma, insoddisfatto della situazione politica del suo paese, nel 1933 aveva abbandonato la Cina e la famiglia, per trasferirsi a Londra. Qui, tra un master alla London School of Economics e un concomitante incarico come insegnante di cinese alla School of Oriental Studies, Chang Yee si era avventurato alla scoperta della città, annotando in prosa, versi e illustrazioni il suo punto di vista, sempre pacifico e scevro da giudizi. “The Silent Traveller in London” è un libro di viaggio molto particolare, in cui Londra ci appare trasfigurata in schizzi e stampe di sapore orientale, e la narrazione si snoda sempre sul binomio interno/esterno, una città descritta da colui che ci vive, ma ne è comunque estraneo. Chiang non si rammarica o imbarazza mai delle sue origini, anzi, celebra la sua diversità nell’esperienza quotidiana di emigrato/viaggiatore, commentando le differenze tra Oriente e Occidente e trasformando le sensazioni da outsider in un’opportunità, per guardare alle cose in modo diverso e condividere queste visioni con il resto del mondo. Scorrendo le pagine del libro, ci si accorge che, fondamentalmente, Chiang Yee credeva già nell’idea di villaggio globale, in cui gli uomini, seppur diversi superficialmente, sono tutti accomunati da necessità fondamentali, come bere, mangiare, dormire, vestirsi e cercare un riparo. Pioneristico nel tentativo di stabilire dei confronti e cercare di spiegare la cultura cinese agli inglesi, il libro ritrae in modo poetico, ironico, a tratti nostalgico, una Londra di altri tempi, che, per certi aspetti, ci appare ancora molto attuale.